1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione

Piano d’ambito


Il Piano di Ambito rappresenta lo strumento di pianificazione strategica del servizio idrico integrato.
Esso rappresenta il documento che, sulla base dei risultati dell’analisi del contesto di riferimento, definisce gli obiettivi di qualità del Servizio Idrico Integrato da perseguire nel periodo di affidamento, nonché gli interventi infrastrutturali necessari per soddisfarli, e ne valuta la sostenibilità economico finanziaria. Allo stesso tempo, il Piano d’Ambito diventa uno strumento di controllo della gestione, rappresentando il Benchmark con cui confrontare i risultati di gestione, al fine di verificarne la corretta implementazione.
Il Piano definisce il programma degli interventi, il modello gestionale ed organizzativo e il piano economico finanziario, e come tale opera su tre livelli: quello delle infrastrutture, quello organizzativo della gestione e quello economico finanziario, che incide sulle tariffe del servizio. Il D.lgs. n. 152/2006 e s.m.i. prevede, infatti, che il Piano d’Ambito sia costituito dai seguenti atti:

  1. la ricognizione delle infrastrutture, che individua lo stato di consistenza delle infrastrutture da affidare al gestore del Servizio Idrico Integrato, precisandone lo stato di funzionamento;
  2. il programma degli interventi, che individua le opere di manutenzione straordinaria e le nuove opere da realizzare, compresi gli interventi di adeguamento delle infrastrutture già esistenti, necessarie al raggiungimento almeno dei livelli minimi di servizio e al soddisfacimento della domanda complessiva dell'utenza;
  3. il modello gestionale ed organizzativo, che definisce la struttura operativa mediante la quale il gestore assicura il servizio all'utenza e la realizzazione del programma degli interventi;
  4. il piano economico finanziario, articolato nello stato patrimoniale, nel conto economico e nel rendiconto finanziario, che prevede, con cadenza annuale, l'andamento dei costi di gestione e di investimento al netto di eventuali finanziamenti pubblici a fondo perduto. Il Piano economico finanziario è integrato dalla previsione annuale dei proventi da tariffa, estesa a tutto il periodo di affidamento del servizio. Il Piano economico finanziario, così come redatto, dovrà garantire il raggiungimento dell'equilibrio economico finanziario e, in ogni caso, il rispetto dei principi di efficacia, efficienza ed economicità della gestione, anche in relazione agli investimenti programmati.

Con legge regionale n. 18 del 18/05/2017, recante “Disposizioni per l’organizzazione del servizio idrico integrato”, è stata istituita l’Autorità Idrica della Calabria (di seguito anche Autorità o A.I.C.), quale ente di governo per il servizio idrico integrato, nell’ambito territoriale ottimale individuato con legge regionale 29/12/2010, n. 34, comprendente l’intera circoscrizione territoriale. L’A.I.C. svolge le funzioni di programmazione, organizzazione e controllo sull’attività di gestione del servizio idrico integrato, nel rispetto delle determinazioni dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (di seguito anche ARERA). Spetta all’Assemblea dell’Autorità, a norma della richiamata legge regionale n. 18/2017, l’approvazione e l’aggiornamento del Piano d’Ambito e dei correlati Piani operativi.





Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO